domenica 25 novembre 2007

liberi di fare i professionisti


oggi ho incontrato l'ennesimo libero professionista che forse così libero non è ma che si accinge ad aprire la partita iva. ragazzo intelligente, simpatico, un vulcano di energie e idee brillanti, semplice e complesso al tempo stesso. un tipo di persona che mi piace sempre incontrare sulla strada della mia vita. ma dov'è il punto? eccolo. nel parlare dice che suo padre fa il commercialista e che gli ha detto che se si fa assumere con un contratto a progetto va a pagare 1.200 euro in più di tasse varie rispetto alla partita iva. le sue rapide osservazioni, tra una sigaretta e un delizioso liquorino fatto dal mio di padre, sono state: i miei calcoli e le scartoffie me le seguirà lui quindi il commercialista non lo pago. ho un affitto in nero perciò sto cercando una nuova casa per scaricare il mondo di retta e bollette. voglio fare il libero professinista per davvero, avere clienti miei, seguire progetti miei. essere libero e produttivo. e io concludo tra me e me: forse è questa la vera strada verso la libertà dell'ingegno? fosse semplice però.....

Nessun commento: